Il giudizio degli Altri

Incontrerai persone, ti giudicheranno e…

Qualcuno vedrà in te la propria aspirazione, quello che vorrebbe essere e sa di poter diventare.  Ti guarderà con ammirazione, ti farà domande, agirà spesso come tu agisci.

Qualcuno vedrà in te ciò che non vuole diventare. Ti guarderà il meno possibile e se proprio dovrà, lo farà con distacco. Ti prenderà come esempio per non fare ciò che fai.

Qualcuno vedrà in te ciò che non vuole essere. Ti eviterà, giudicherà o addirittura offenderà. Le sue parole potrebbero essere pesanti.

Qualcuno vedrà in te ciò che è stato. Ti tratterà con amore se ha fatto pace con il proprio passato, con superiorità se ancora non ha digerito i propri errori.

Qualcuno vedrà in te ciò che è. Ti dirà: “siamo così simili”. Si rivolgerà a te con parole comprensive o a volte irritate, con le stesse che rivolge a se stesso. 

Ciò che vedono gli altri sai cosa dice? Dice molto sul loro viaggio, su dove sono, da dove vengono e dove vanno.

Dice poco su di te.

Nessun giudizio può essere emesso senza essere influenzato dalla posizione in cui si trova chi lo emette.

La prossima volta che arriva un giudizio di qualcuno chiediti:

Che strada sta viaggiando chi parla di te?

Quella strada va nella mia stessa direzione o altrove?

Mi può essere utile in qualche modo quel giudizio per percorrere meglio la mia strada?

E poi scegli cosa tenere e cosa lasciare. Per un viaggio così importante quello che non serve… non serve. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su