La realtà oggettiva? Certo che esiste, anzi ce ne sono circa 8 miliardi di tipi

Poco tempo fa la maestra di un asilo entra nella stanza luminosa dove sono riuniti i suoi bambini e gli dice:

“Oggi impariamo i colori, prendete le sedie e mettetevi a cerchio intorno a me!”

I bambini tutti emozionati prendono le loro piccole sedie colorate e iniziarono a spostarsi nella stanza spingendosi, chiamandosi, incastrandosi l’uno con l’altro… alla fine trovano soddisfatti la loro sistemazione.

La maestra tira fuori un sacco di tela piena di biglie, di quelle che si vincono al flipper di mille colori, inizia a dare a ognuno di loro una biglia dello stesso colore.

Quando ogni bambino ebbe la propria biglia si rivolge ai bambini che hanno già iniziato a osservare piccole palline girandosele tra le mani.

“Adesso ognuno di voi mi dice di che colore è la biglia che ha in mano e alla fine vi dirò se è giusto o sbagliato… Iniziamo!”

“Verde” dice senza esitazione il primo bambino.

“Viola” spalancò gli occhi il secondo.

“Blu” gridò la terza bambina guardando con sorpresa i suoi due compagni.

“Rossa” “Arancione” “Argento” “Azzurra” si susseguono così 12 colori diversi che lasciano la maestra senza parole e piuttosto sconsolata. Pensava che sarebbe stato banale far indovinare almeno il primo colore della biglia, insomma la realtà era sotto gli occhi di tutti e i bambini di quell’età di solito conoscevano già i colori. Un po’ rammaricata, lascia i bambini andare a fare la loro ricreazione e camminando per la stanza per trovare una soluzione inizia a girare intorno al cerchio dove ogni bambino aveva lasciato sulla propria sedia la biglia che gli aveva dato la maestra.

Si ferma un attimo e osserva come la luce crea su ogni biglia un colore diverso a seconda dell’altezza, della posizione e della prospettiva in cui si trova.

Verde

Viola

Blu

Rossa

Arancione

Argento

Azzurra

Con la luce sulle varie sedie le biglie assumevano colori diversi l’una dall’altra.
La maestra sente il suo cuore riempirsi di gioia e capisce che tutti i suoi bambini sanno riconoscere i colori, tutti i suoi bambini hanno la loro inviolabile realtà.
Quando i piccoli rientrano dalla ricreazione, la maestra li accoglie con un gran sorriso.

“Bravissimi! Oggi avete fatto un lavoro fantastico e ognuno di voi ha imparato i colori.”


Noi prendiamo una manciata di sabbia dal panorama infinito delle percezioni e la chiamiamo mondo.
(Robert M. Pirsig)

Vuoi conoscermi di persona?

Se i miei contenuti ti hanno incuriosito o l'argomento dell'evoluzione personale ti interessa, puoi partecipare all'incontro di due ore che faccio presso la scuola PLS Coaching a Firenze.

Ci sarò io e Lapo Baglini a guidarti in un'esperienza formativa (gratuita) ricca di contenuti e sorprese.

Sarai indirizzato al sito di PLS Coaching dove troverai i dettagli del prossimo evento e il modulo d'iscrizione necessario per partecipare e poi ci vediamo lì!
Torna su